Le avversarie degli azzurri: il Costa Rica

Di Fabio Marino

Conosciamo meglio storia, allenatore, stella e formazione del Costa Rica, avversario che gli azzurri di Prandelli affronteranno il 20 giugno.

    Storia

La Nazionale di calcio della Costa Rica è stata fondata come Federazione nel 1921 (Federación Costarricense de Fútbol), 6 anni dopo avverrà anche l’affiliazione alla FIFA. Vanta nel suo palmares 10 edizioni del campionato centro-americano per nazioni, le prime 7 edizioni come Coppa della Confederazione Centroamericana e del Caribe, le ultime 3 come Campionato Concacaf (1963, 1969, 1989). Quella in Brasile sarà la quarta partecipazione ai Mondiali per il Costa Rica, l’ultima volta a Germania 2006 dove venne eliminato ai gironi, così come nei Mondiali di Giappone e Corea del 2002. Il migliore risultato resta quello ottenuto ad Italia 90’ dove la nazionale costaricana si fermò agli ottavi di finale. Complessivamente il Costa Rica ha disputato 10 partite ai Mondiali con un bilancio di 3 vittorie, 1 pareggio e 6 sconfitte, 12 gol segnati e 21 subiti. Attualmente nel Ranking Mondiale FIFA occupa la posizione numero 48. Walter Centeno detiene il record di di presenze (137) mentre Rolando Fonseca quello di reti (47).

    I precedenti

Un solo precedente fra la Nazionale italiana e quella del Costa Rica datato 11 giugno 1994 in amichevole. L’Italia allenata da Sacchi vincerà per 1-0 grazie ad una rete al 65’ di Beppe Signori.

    L’allenatore

Corso Istruttore Allenamento FunzionaleCorso Istruttore Allenamento Funzionale

Jorge Luis Pinto di nazionalità colombiana è per la seconda volta alla guida del Costa Rica. La prima esperienza avviene nel 2004 e dura un anno e mezzo. Dopo le dimissioni di Ricardo Lavolpe viene richiamato nel 2011 nuovamente alla guida del Costa Rica. E’ stato anche CT della Colombia nel 2007.

    Il cammino verso il Mondiale

Il Costa Rica ha chiuso i due gironi eliminatori entrambi al secondo posto ed ha ottenuto così il pass per il Brasile. Nel primo girone ha totalizzato 10 punti (3 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte) preceduto dal Messico con 18 punti. Nel secondo girone, vinto dagli Stati Uniti, i 18 punti ottenuti sono bastati ad arrivare davanti ad Honduras fermo a 15.

    La stella

Il giovanissimo attaccante Joel Campbell (26 giugno 1992), di proprietà dell’Arsenal ma in prestito quest’anno all’ Olympiakos, rappresenta la più grande promessa del calcio costaricano. Dotato di grande velocità e buon dribbling, agisce indifferentemente da prima o seconda punta. Con la Nazionale maggiore ha finora collezionato 31 presenze realizzando 9 reti.

    La formazione

Jorge Pinto utilizza generalmente un 4-4-2 o 4-4-1-1 in cui Bryan Ruiz, trequartista di proprietà del Fulham, agisce alle spalle della punta che sarà sicuramente Campbell visto l’infortunio recente capitato all’attaccante di riferimento Alvaro Saborio (frattura del quinto metatarso del piede destro) che non partirà quindi per il Brasile. In precedenza il CT aveva dovuto rinunciare anche al difensore dell’Everton Bryan Oviedo sempre per infortunio. A difendere i pali ci sarà Navas portiere rivelazione del Levante. Squadra giovane, veloce, da non sottovalutare.