Gli azzurri in Brasile: Sirigu e Perin

Di Fabio Marino

Uno è titolarissimo del PSG, l'altro lo è del Genoa. Entrambi arrivano al Mondiale come alternative a Buffon, ma chi sarà il titolare per il futuro ?

Salvatore Sirigu

Gli esordi

Nato a Nuoro il 12 gennaio 1987, ricopre da giovane il ruolo di attaccante ma ben presto viene indirizzato a quello di portiere dal suo allenatore, visto soprattutto le grosse mani che il ragazzo possedeva. Acquistato giovanissimo dal Venezia nel 2005 passa l’anno dopo a Palermo dove diventa il titolare nella Primavera. Negli anni successivi verrà mandato in prestito alla Cremonese, in C1, e poi all’Ancona, in serie B, con cui disputa 15 partite subendo 24 reti. Torna a Palermo nella stagione 2009-2010 come secondo portiere, a lui viene preferito inizialmente Rubinho come titolare. Alla sesta giornata esordisce in Serie A contro la Lazio (1-1) nella quale non sfigura, anzi si esibisce in un paio di ottime parate. Da quella partita comincia a giocare con regolarità e chiuderà la stagione con 32 presenze all’attivo e 39 gol subiti. Nellastagione 2010-2011 viene confermato come portiere titolare del Palermo, a fine campionato risulterà il portiere con la media voto più alta. Tuttavia non mancano anche momenti poco felici come le 7 reti subite dall’Udinese alla ventisettesima giornata di campionato.

Il Paris Saint-Germain

In Francia la Qatar Investment Authority acquista il Paris Saint-Germain e punta gli occhi sul campionato italiano per fare spese pazze sul mercato. Oltre a Sissoko, Pastore e Menez arriva a Parigi anche Sirigu, acquistato dal Palermo per poco meno di 4 milioni di euro. Fin da subito il portiere italiano verrà schierato titolare. Con i francesi ha finora collezionato 108 presenze in campionato, subendo 80 reti. Ha vinto due Campionati francesi, la Supercoppa di Francia e la Coppa di Lega Francese. Nella stagione 2012-2013 ha stabilito il record di imbattibilità per un portiere del PSG, superando il primato di 697 minuti di Bernard Lama. Nello stesso anno sarà eletto comeMiglior portiere della Ligue 1.

Nazionale

Corso Personal TrainerCorso Personal Trainer

La prima convocazione in Nazionale Maggiore avviene nel febbraio 2010 sotto la guida di Marcello Lippi per l’amichevole contro il Camerun, tuttavia verrà escluso dalla lista dei convocati per il Mondiale. Torna a vestire la maglia azzurra conPrandelli e farà il suo esordio ufficiale da titolare il 6 agosto 2010 in un’ amichevole contro la Costa D’Avorio. Pur non giocando sarà presente come terzo portiere agli Europei del 2012 e alla Confederations Cup del 2013. Ha giocato recentemente l’amichevole contro l’Irlanda (0-0) disimpegnandosi egregiamente. In totale ha collezionato fin qui 8 presenze in azzurro. Rappresenta la più seria alternativa al ruolo di titolare per il dopo-Buffon.

Nel post-partita dell’amichevole contro l’Irlanda ha dichiarato: “Siamo sulla strada giusta, siamo soddisfatti. Peccato per quello che è successo aMontolivo, siamo tutti tristi per lui. La gara di questa sera serviva per valutare la condizione. Ci sono ancora due settimane prima della partita d'esordio, dobbiamo lavorare per arrivare al massimo della condizione".

Mattia Perin

Nasce a Latina il 10 novembre 1992, cresce nelle giovanili della Pistoiese per poi passare al Genoa nel 2008. Vince con i liguri il Campionato Primavera del 2010 e la Supercoppa Primavera. Esordisce in Serie A con i grifoni il 22 maggio 2011, nell’ultima giornata di campionato contro il Cesena. La stagione successiva giocherà in prestito al Padova, in Serie B, collezionando 25 presenze. Nella stagione 2012-2013 gioca per il Pescara neopromosso in A. Detiene il record per il numero maggiore di parate in una singola partita, ben 15 contro la Fiorentina, per i cinque maggiori campionati europei (Germania, Francia, Inghilterra, Italia, Spagna). In questa stagione è stato il portiere titolare del Genoa dove ha collezionato 37 presenze e subito 50 reti. Gli vengono riconosciute grandissime doti di agilità e reattività fra i pali. Deve ancora esordire in Nazionale Maggiore ma il futuro è certamente il suo.