Cardiofrequenzimetro

Di Nicola Sacchi

La misurazione della frequenza cardiaca consente l'oggettiva valutazione dell'intensità di uno sforzo, soprattuto durante discipline come la corsa, il ciclismo, lo sci, il nuoto ecc.

All'incremento dello sforzo infatti, corrisponde un incremento della frequenza cardiaca.

Oltre a determinare l'ottimale frequenza cardiaca da tenere in allenamento, occorre avere uno strumento che, facilmente, la rilevi in ogni istante comunicandoci se stiamo rispettanto i range di allenamento previsti.

Corso Istruttore Ginnastica PosturaleCorso Istruttore Ginnastica Posturale

Tale strumento è il cardiofrequenzimetro.

Il cardiofrequenzimetro rileva in automatico, e costantemente, la frequenza cardiaca, fornendo dei dati precisi e consentendo anche la sua programmazione. La programmazione del cardiofrequenzimetro è in grado di gestire autonomamente il nostro allenamento, comunicandoci con un segnale sonoro quando stiamo uscendo dal range di pulsazioni di nostro interesse.

Esistono vari tipi di cardiofrequenzimetro, più o meno programmabili.

Tra i più efficaci e precisi segnaliamo quelli che prevedono l'applicazione di una fascia toracica che poi trasmetterà i dati, senza fili, ad un ricevitore, posto sul polso dell'atleta come un orologio.

Voci glossario

Allenamento Cardiofrequenzimetro Frequenza cardiaca