Cellulite

Di Pierluigi De Pascalis

Dizionario del fitness: analisi e spiegazione del termine Cellulite

L'inestetismo cutaneo comunemente noto come cellulite è deter-minato dall'accumulo adiposo nella porzione sottostante l'epidermide, stoccato in piccole celle circoscritte da tessuto connettivo. Il termine tecnico per definirla è pannicolopatia fibro edematosa.

Le cause che la determinano sono da ricercare in fattori costitu-zionali o comportamentali, che provocano la perdita di tono ed elasticità dei vasi venosi, con conseguente rallentamento del flusso sanguigno, in particolare negli arti inferiori dove il reflusso sanguigno è già di per se difficoltoso.

Corso Istruttore Hatha Yoga per il FitnessCorso Istruttore Hatha Yoga per il Fitness

Nella prima fase (cellulite edematosa) il sangue ristagna nei capillari provocando perdita di elasticità e permeabilità, difficoltà nel nutrire adeguatamente i tessuti circostanti, causando un'infiammazione tissutale. L'infiammazione colpisce adipociti e tessuto interstiziale, venule e capillari. La prima sintomatologia è la cosiddetta pelle a buccia d'arancia.

Il quadro evolve nella seconda fase (cellulite fibrosa) con l'alterazione del tessuto e massiccia proliferazione delle fibre di collagene, il tessuto adiposo diviene più denso, e può dar vita a crampi e formicolii localizzati.

Al terzo stadio (cellulite sclerotica) i noduli formati dalle fibre divengono palpabili e dolorosi al tatto. La scarsa irrorazione determina flaccidità ed abbassamento locale della temperatura. Una vita sedentaria è un fattore aggravante, poiché non agevola la circolazione, ma ne favorisce la stasi.

Voci glossario

Cellulite Fibre Sangue