Carnitina

Di Pierluigi De Pascalis

Dizionario del fitness: analisi e spiegazione del termine Carnitina

L'Acetil L-carnitina è una molecola di primaria importanza nel metabolismo degli acidi grassi. È in grado di veicolare i lipidi dal citoplasma verso i mitocondri per la betaossidazione. Esercita un'opera di modulazione sul coenzimaA. Sembrerebbe in grado di limitare la produzione di acido lattico e di incrementare l'utilizzo dell'ossigeno. Una sua carenza induce sofferenza cardiaca, per tale ragione l'organismo è in grado di sintetizzarne un dato quantitativo a livello epatorenale partendo da metionina e lisina (in presenza di ferro, vitamina C e vitamine del gruppo B).

È reperibile in alcuni alimenti di origine animale, soprattutto nel cuore e nelle parti muscolose.

Corso Istruttore Allenamento FunzionaleCorso Istruttore Allenamento Funzionale

Da un punto di vista atletico sarebbe capace di migliorare le prestazioni di lunga durata, proprio perché favorisce l'impiego degli acidi grassi a scopo energetico.

La dose media per l'integrazione sportiva è pari a 1-2 grammi al giorno, anche se alcuni autori riportano quantitativi doppi (2-4g da prendere un'ora prima dell'allenamento per cicli di assunzione di 2 settimane).

Una eccessiva introduzione può dare disturbi gastrici o raggiungere livelli tossici. È fondamentale non confondere l'assunzione di l-carnitina con l'assunzione di dl-carnitina, contenente la forma destrogira non metabolizzabile dall'organismo.

Voci glossario

Acidi Grassi Lipidi Metabolismo Mitocondri Vitamine