Limitazioni all'esercizio fisico in gravidanza

Di Vitalba Di Prima

Un moderato esercizio fisico in gravidanza è consigliato, ma ci sono anche casi di controindicazioni assolute e relative, oltre a sintomi che, una volta presentatisi, impongono la cessazione immediata dell'attività fisica #gravidanza #attivitafisica

Obiettivo dell'attività fisica è mantenere il più alto livello di fitness nella massima sicurezza per la gestante e, ovviamente, per il feto.

Le modificazioni nell'organismo impongono dei cambiamenti nel tipo, nella durata e nell'intensità dell'allenamento, che non potrà essere mantenuto a livelli pregestazionali, anche se esistono donne che sono in grado di tollerare un'intensa attività fisica, soprattutto se partono da un buon livello di fitness.

Se la gravida svolge un'intensa e vigorosa attività sportiva, si riscontra frequentemente un aumento del 10% dell'ematocrito entro 30 minuti dall'inizio dell'esercizio, in associazione a un incremento della frequenza cardiaca; la pressione sistolica aumenta in rapporto all'intensità dell'esercizio. Il ritorno ai valori basali si verifica entro 5 minuti dal termine dell'esercizio stesso.

Queste modificazioni del sistema cardiocircolatorio, che persistono fino a 4 settimane dopo il parto devono essere attentamente valutate nella scelta dell'allenamento da consigliare alla gestante.

È importante che la frequenza cardiaca, indice approssimativo del fitness aerobico, rimanga più bassa del 25-30% rispetto ai valori ottimali per quel tipo di esercizio al di fuori della gravidanza, per cui è importante non aumentarla al di sopra dei 140 battiti al minuto durante l'esercizio; è noto comunque alla ricerca medica, che l'esercizio a circa il 70% della FCMax non provoca alcun cambiamento nella frequenza cardiaca del feto.

È consigliabile comunque concordare col proprio medico il limite della FC per l'esercizio.

Corso Istruttore Ginnastica PosturaleCorso Istruttore Ginnastica Posturale

La maggior irrorazione muscolare potrebbe in teoria determinare una diminuzione dell'irrorazione utero-placentare con conseguenze negative per il feto; ma è peraltro vero che, in assenza di patologia, tale evenienza si riscontra molto raramente nella gravida che pratica attività fisica moderata .

Per quanto riguarda il sistema respiratorio, l'iperventilazione aumenta anche se non proporzionalmente all'entità dello sforzo.

L'aumento del consumo di ossigeno durante un esercizio impegnativo è infatti inferiore rispetto a quello che ci si aspetterebbe.

Questo suggerisce che la gravida non è in grado di mantenere alti livelli di attività aerobica, presentando una diminuzione della riserva polmonare e un'incapacità di compensare efficacemente lo stress di esercizi in aerobiosi.

Sistema metabolico: l'intensa attività fisica, svolta per un tempo prolungato, determina un aumento della temperatura corporea che in gravidanza è normalmente più elevata.

L'aumento della temperatura crea un rischio teorico per il feto in particolare nel primo trimestre.

È importante quindi consigliare alla gravida di non allenarsi se febbrile o in ambienti caldo-umidi. (S, Fitness, la guida completa, 2004)

Controindicazioni assolute

  • Patologie cardiovascolari
  • Patologie polmonari
  • Incontinenza cervicale / cerchiaggio
  • Gravidanza multipla a rischio di parto pretermine
  • Sanguinamenti persistenti nel secondo e terzo trimestre
  • Placenta previa dopo 26 settimane
  • Ipertensione indotta dalla gravidanza
  • Rottura delle membrane
  • Minaccia di parto pretermine nelle gravidanze precedente e attuale

Controindicazioni relative

  • Anemia importante
  • Aritmia cardiaca non valutata
  • Bronchite cronica
  • Diabete di tipo I non controllato
  • Obesità o BMI inferiore a 12
  • Storia di vita assai sedentaria
  • Restrizione della crescita fetale
  • Ipertensione non controllata o pre-eclampsia
  • Patologie della tiroide
  • Fumatrici
  • Limitazioni ortopediche

Qualora si presentino tali sintomi l'attività fisica dovrà essere sospesa

  • Sanguinamenti vaginali
  • Dispnea prima dell'esercizio
  • Cefalea
  • Capogiri
  • Dolore addominale
  • Debolezza muscolare
  • Dolore al polpaccio o segno di swelling
  • Travaglio pretermine
  • Riduzione dei movimenti fetali
  • Perdita di liquido amniotico

Voci glossario

Frequenza cardiaca Ossigeno Temperatura corporea