Le eliminate: GRECIA

Di Graziano Carlo Carugo Campi

Buon mondiale per la Grecia, che però è ancora alla ricerca di un centravanti di livello internazionale

La Grecia ha disputato il miglior mondiale della sua storia, finendo eliminata agli ottavi dalla sorpresa del torneo, la Costarica, solo dopo i calci di rigore.


La squadra ha mostrato una solida compattezza difensiva ma al tempo stesso ha fatto vedere troppo poco in attacco, con un reparto ancora poco incisivo in fase di realizzazione e privo di un vero e proprio uomo-gol.


Tra i pali, Orestis Karnezis, 28 anni dell'Udinese, ha fatto vedere cose buone, ma dovrà trovare una squadra nella quale giocare con continuità. In difesa l'ex di Genoa e Milan, Sokratis Papastathopoulos, si è confermato come difensore affidabile e insieme a lui ha ben impressionato il 23 enne Kostas Manolas, mentre Torosidis della Roma (29 anni) è da sempre una  certezza sia in fase difensiva che offensiva. A fine corsa sono Loukas Vyntra (33 anni), Vangelis Moras (32 anni) del Verona.


A centrocampo saluteranno il capitano Giorgos Karagounis (37 anni) e Kostas Katsouranis (34), deludente è stato il mondiale dei "bolognesi" Kone (26) e Christodoulopoulos (27), mentre Giannis Fetfatzidis (23) del Genoa si è visto poco ma con Andreas Samaris (24) e Panagiotis Tachtsidis (23) è destinato a prendere in mano la linea mediana degli ellenici nei prossimi anni, insieme a Giannis Maniatis (27) vero motorino del centrocampo.

Nel giro della nazionale ci sono anche Kostas Fortounis (21) e soprattutto Sotiris Ninis (24) che deve ritrovare continuità di rendimento dopo essere stato considerato un talento promettente in passato.


In attacco le situazioni più spinose:  Theofanis Gekas (34) e Dimitris Salpingidis (32) saluteranno il gruppo senza essere troppo rimpianti, Giorgos Samaras (29) ha dimostrato generosità quanto poca freddezza sotto porta, Kostas Mitroglou (26 anni) è parso il più tecnico ma al tempo stesso non ha i colpi di un genio: se l'attacco della Grecia non dovesse trovare giocatori più forti, il lavoro del nuovo selezionatore ellenico potrebbe essere sempre proibitivo. Nei 30 inseriti nella lista dei preconvocati, c'erano solo Stefanos Athanasiadis (25 anni) e Nikos Karelis (22): giocatori che finora non hanno fatto vedere grandi cose nelle rispettive squadre di club.


Il nuovo tecnico sarà Claudio Ranieri: garanzia di qualità.