I precedenti al mondiale: Portogallo

Di Graziano Carlo Carugo Campi

I precedenti al mondiale del Portogallo

Il Portogallo ha partecipato 5 volte al mondiale: 1966, 1986, 2002, 2006, 2010


1966: Al mondiale inglese il Portogallo si presenta con una rosa infarcita di calciatori delle colonie: Eusebio, Vicente e Mario Coluna guidano la squadra al primo mondiale della sua storia, riuscendo a raggiungere il terzo posto finale. Inseriti nel gruppo 3, i lusitani vincono le prime tre gare del mondiale, battendo l'Ungheria per 3 a 1 (doppietta di Augusto e gol di Torres), la Bulgaria per 3 a 0 (autogol di Vutsov e reti di Eusebio e Torres) e, a sorpresa, il Brasile per 3 a 1 (Simoes e doppietta di Eusebio). Ai quarti è 5 a 3 contro la Corea del Nord, che aveva eliminato a sorpresa l'Italia: quattro gol di Eusebio e rete di Josè Augusto. La sconfitta arriva in semifinale, per mano dei padroni di casa dell'Inghilterra: 2 a 1 con gol della bandiera ancora di Eusebio, vera e unica stella del torneo. Nella finale per il terzo posto sarà 2 a 1 contro la Russia, grazie alle reti di Eusebio e Torres.


1986: Ben 20 anni di attesa prima di rivedere il Portogallo al mondiale: guidati da Futre e Pacheco i portoghesi deludono le aspettative, finendo ultimi nel gruppo F. Vittoria all'esordio per 1 a 0 contro l'Inghilterra (Carlos Manuel) e sconfitta per 1 a 0 contro la Polonia e per 3 a 1 a sorpresa contro il Marocco (Diamantino). Passeranno altri 16 anni prima di rivedere il Portogallo al mondiale.


2002: Il Portogallo è diventata in breve tempo una superpotenza del calcio europeo giovanile negli anni 90 e nel 2002 arrivano i primi frutti. Squadra dal centrocampo stratosferico, con Rui Costa, Flavio Conceiçao, Figo e Paulo Sousa a centrocampo, Fernando Couto in difesa, ma debole davanti con Nuno Gomes e Pauleta a fungere da arieti. A sorpresa questa volta arriva l'eliminazione al primo turno: inserita nel gruppo D, con Stati Uniti, Corea del Sud e Polonia, i portoghesi perdono all'esordio per 3 a 2 contro gli americani (gol di Beto e autogol di Agoos). 4 a 0 roboante alla Polonia che finirà ultima (tripletta di Pauleta e gol di Rui Costa), sconfitta per 1 a 0, a sorpresa e tra le polemiche, contro i padroni di casa della Corea del Sud.


2006: Figo, Ronaldo e Deco guidano la squadra alla miglior prestazione di sempre dopo quella del '66. Primi nel gruppo D a punteggio pieno, i portoghesi battono per 1 a 0 i cugini dell'Angola (Pauleta), per 2 a 0 l'Iran (Deco e Ronaldo) e per 2 a 1 il Messico (Maniche e Simao). Agli ottavi è 1 a 0 sull'Olanda (Maniche), mentre ai quarti servono i rigori per battere l'Inghilterra dopo uno 0 a 0. In semifinale arriva la delusione più cocente: 1 a 0 per la Francia e portoghesi che arrivano deconcentrati alla finale per il terzo posto, dove verranno sconfitti per 3 a 1 dalla Germania (Nuno Gomes).


2010: Quello che doveva essere il mondiale della consacrazione di Cristiano Ronaldo lascia l'amaro in bocca ai tifosi lusitani. Nel gruppo G è secondo posto dietro al Brasile: 0 a 0 contro la Costa d'Avorio, 7 a 0 contro la Corea del Nord (Meireles, Simao, Almeida, doppietta di Tiago, Liedson e Ronaldo), 0 a 0 contro il Brasile. Agli ottavi arriva brusca l'eliminazione contro la Spagna, per 1 a 0.