Akwasi Appiah, allenatore del Ghana

Di Graziano Carlo Carugo Campi

Primo allenatore africano a raggiungere la qualificazione mondiale con le Stelle Nere, Akwasi ha fatto la trafila dalle giovanili della Federazione per poi approdare alla prima squadra nel 2012

Primo allenatore africano a raggiungere la qualificazione mondiale con le Stelle Nere, Akwasi ha fatto la trafila dalle giovanili della Federazione per poi approdare alla prima squadra nel 2012

James Kwesi Appiah (conosciuto anche come Akwasi) è un ex calciatore ghanese che ha giocato come terzino sinistro per dieci anni nell'Asante Kotoko, club ghanese di Kumasi, nell'Ashanti. Ex capitano della nazionale ghanese, nella quale ha giocato dal 1987 al 1992, ha iniziato la carriera da allenatore andando a studiare in Inghilterra, alla corte del Manchester City, dove in diverse occasioni ha seguito corsi intensivi di tattica e tecnica, anche nel periodo in cui il tecnico dei Citizens era Roberto Mancini. Il rapporto con il club inglese è ancora attivo e Appiah funge da osservatore non ufficiale per la squadra di Manchester.

L'esordio come allenatore lo vede immediatamente coinvolto nel progetto della federazione ghanese: inizia a lavorare come assistente allenatore della prima squadra nel 2008, al servizio di Milovan Rajevac. Dopo tre stagioni prende in mano la squadra under 23 e subito vince i Giochi Africani. Con l'addio di Rajevac, prende in mano l'interim della squadra maggiore per una partita prima dell'arrivo di Goran Stevanovic. L'anno successivo coincide con il grande salto: Appiah diventa il selezionatore della nazionale maggiore, rimpiazzando il serbo e tre anni dopo diventa il primo allenatore ghanese (e africano) a raggiungere la qualificazione mondiale con le Stelle Nere.

Nel 2013 ha conseguito con la sua nazionale un ottimo quarto posto in coppa d'Africa. Nato il 30 giugno 1960 a Kumasi, predilige uno schieramento coperto: 5-4-1 molto accorto, con regista davanti alla difesa e trequartista a sostegno dell'unica punta.