La rincorsa - seconda parte

Di Simone Sarti

La rincorsa: elementi essenziali, la tecnica ed il ritmo. Gli errori comuni nei principianti e la corretta didattica.

La fase finale della rincorsa, quantificabile con gli ultimi 6 passi, è caratterizzata dalla ricerca di un ulteriore incremento della velocità: ciò si ottiene soprattutto attraverso un marcato aumento della frequenza del passo mantenendone, però, il più possibile invariata l'ampiezza.

La tecnica di corsa prevederà il mantenimento di un appoggio con tutta la pianta del piede, il quale continuerà a produrre il suo movimento a "molla", il busto sarà verticale o conserverà una minima inclinazione in avanti; tale atteggiamento, anche qualora fosse non ottimale, dovrà mantenersi senza brusche correzioni che otterrebbero, come unico risultato, un effetto decelerante sulla rincorsa.

Un errore tipico dei principianti, infatti, è quello di inclinare il busto indietro e di abbassare le braccia prima della tavoletta, cosa che porta sì ad un aumento dell'angolo di proiezione, ma con conseguente arresto sulla tavoletta e grande diminuzione della velocità.
Troppo spesso inoltre si vedono atleti incrementare palesemente la frequenza a discapito dell'ampiezza dei passi; questo da un punto di vista ritmico può apparire come una corretta esecuzione della rincorsa, mentre, in realtà, sicuramente assistiamo ad un'accelerazione apparente o, addirittura, anche in questo caso ad una diminuzione della velocità.
Dal punto di vista ritmico esiste un'interpretazione particolare, caratterizzata da una prima parte molto aggressiva, al limite di un vero e proprio sprint, con un'esagerata inclinazione del busto, una fase centrale di evidente e ricercata decontrazione con innalzamento delle spalle e del bacino in funzione di un'ulteriore, marcata, accelerazione nel tratto finale.

Questa tecnica di rincorsa è tipica di atleti normolinei capaci di costruire in brevi spazi un'elevata punta di velocità e, in particolare, di molti atleti di colore di media taglia o provenienti come estrazione dalle gare di velocità pura.

Bibliografia

  1. Teoria dell'allenamento. Indicazione di una metodica generale di allenamento
    Harre Dietrich
  2. Linee generali della teoria dell'allenamento sportivo
    Armando Fucci
  3. Teoria e metodologia dell'allenamento
    L. Ricciarelli, L. Toccaceli
  4. www.orlandopizzolato.com