Sessione di massaggio post-gara e infra-gara

Di Maurizio Ronchi

Seconda sessione di massaggio sport TIB nell'immediato post-gara e infra-gara. Dettagli e protocollo esecutivo.

La seconda sessione del Massaggio Sport TIB si svolge subito dopo la prestazione-attività.
Ha scopo defaticante e contribuisce a riportare alla normalità il battito cardiaco e la respirazione.

Prestiamo attenzione se l'ambiente non è sufficientemente caldo o aerato.
Se l'atleta presenta ancora affanno respiratorio, evitare il dialogo.
Nel caso appaia particolarmente stanco, dedichiamo solo pochi minuti con manualità delicate di sfioramento leggero e dondolii su arti inferiori e la schiena, specie i muscoli Paravertebrali, terminando col massaggio del Diaframma. Questo muscolo ha un collegamento diretto con il cuore tramite il legamento Frenopericardico. Il muscolo Diaframma se contratto si abbassa (retrazione) comprimendo lo stomaco dando la sgradevole sensazione di oppressione e peso. Abbassandosi in più, tende il legamento Frenopericardico, inibendo il regolare funzionamento del cuore, possibile causa di stress psico-fisico e respiratorio.
Perciò il massaggio del Diaframma allentandone la tensione, aiuta il ritorno ad una normale respirazione e al normale battito cardiaco, in quanto aiuta col suo fisiologico movimento la fase di ritorno del sangue verso il cuore.

Corso Istruttore Ginnastica PosturaleCorso Istruttore Ginnastica Posturale

Nel caso l'atleta sia in condizioni di normale affaticamento, procediamo, ove possibile, con olio e manualità prettamente di sfioramento profondo drenante delle scorie metaboliche accumulate.
Ciò permette un rapido defaticamento, smorzando l'ipertono muscolare da stress fisico-agonistico-emotivo.
Nell'immediato dopo-gara, specie per quelle aerobiche, è bene non fermare all'improvviso l'attività, in quanto il sangue ristagnando nelle vene dilatate delle gambe può provocare vertigine e svenimento, soprattutto in presenza di caldo-umido.
Praticare un adeguato defaticamento/raffreddamento del corpo, permette di far decadere gradualmente la circolazione fino a quel momento molto sostenuta, e iniziare una prima decontrazione muscolare favorendo la rimozione dell'acido lattico. Un breve massaggio con borsa del "ghiaccio e palline" dopo l'esercizio di raffreddamento, aiuta alla normalizzazione della circolazione e al drenaggio delle scorie metaboliche accumulate nella mio-fascia. Questa tecnica è sempre gradita all'atleta anche per le articolazioni specie quelle delle caviglie, delle ginocchia e delle cervicali. Non è ancora stato dimostrato, ma sembra che il massaggio con la borsa del ghiaccio (criomassaggio) riduca i DOMS ("Delayed Onset Muscolar Soreness", l'indolenzimento muscolare ad insorgenza ritardata) i dolori del giorno dopo, sedando l'irritazione delle fibre muscolari "strapazzate" durante la prestazione.
A secondo del tipo sport svolto, alziamo gli arti dell'atleta e sfruttiamo la gravità per eliminare il ristagno di sangue; li lasceremo a penzoloni sfruttando anche qui la gravità, con effetto di ottenere una leggera trazione e, con l'aiuto di leggeri scuotimenti, procedere ad un primo allungamento miofasciale-articolare.

Allentiamo eventuali aderenze o contratture non eccessivamente dolorose, con manualità di MTP (massaggio traverso profondo) e trazioni-dondolii. Prestiamo cautela sulle parti dolenti e nel caso riscontrassimo la presenza di trigger point (punto grilletto, doloroso al tatto) è meglio richiedere l'intervento del medico o del terapista competente.
Mobilizziamo le caviglie degli atleti che hanno svolto sport con corsa di lunga durata, su terreni sconnessi o con ripetuti salti su superfici dure.
Trattiamo esclusivamente le parti muscolari e le articolazioni interessate dall'attività svolta.
Il tutto per 10-15minuti avendo premura che l'atleta, una volta finito il massaggio, non si rialzi subito, ma rimanga seduto per qualche minuto.

III Sessione: Infra-Gara

La terza sessione del Massaggio Sport TIB si svolge nei giorni successivi alla prestazione-attività. Lo scopo principale è rilassare mediante la normalizzazione del tono muscolare, della circolazione e della elasticità miofasciale-articolare; in più drenare le scorie metaboliche accumulate.

Bibliografia

  1. Giovanni Chetta, "Il sistema connettivo - Dalla psiconeuro-endocrino immunologia alla psiconeuro-endocrino-connettivo-immunologia"
  2. Marco Jacono, "Il tissotropismo muscolare"
  3. Francesco Nigro "Il ruolo del massaggio nel trattamento delle patologie muscolo-tendinee dell''arto inferiore nello sportivo"
  4. Robert Schleip, "Fascial plasticity – a new neruobiological explanation"
  5. Robert Schleip, "Commentary 8" da JOURNAL OF BODYWORK AND MOVEMENT THERAPIES
  6. Martino Scudero, "La pratica dello stretching nel campo della terapia manuale e riabilitativa"
  7. E. Sproviero, " I diversi tipi di dolore muscolare nel calciatore - Cause, significato e prevenzione"
  8. A. Joseph Threlkeld, "The E ffects of Manual Therapy on Connective Tissue"
  9. Vari di Art Riggs, Whitney W. Lowe ed Erik Dalton da MASSAGE & BODYWORK magazine

Voci glossario

Fibre Sangue