Tiro a segno alle Olimpiadi

Di Redazione

Tiro a segno: le specialità, le regole fondamentali, le curiosità tecniche ed atletiche nel corso delle competizioni olimpiche

Il tiro a segno prevede tre specialità: doppietta, carabina e pistola.
Neella doppietta il tiratore utilizza l'arma per colpire in volo dei piattelli di forma circolare. Il numero dei piattelli, dei concorrenti e delle modalità variano a seconda dell'evento.

Nella carabina lo scopo del tiratore è colpire il maggior numero di volte, e quanto più vicino possibile, il centro di un bersaglio. I tiratori sono divisi per categorie in virtù del calibro utilizzato;

Corso Istruttore Hatha Yoga per il FitnessCorso Istruttore Hatha Yoga per il Fitness

Nella pistola lo scopo della disciplina è il medesimo della carabina. L'arma dev'essere tenuta con una mano, a braccio teso. Vi sono diverse categorie in virtù del numero di colpi e della distanza dal bersaglio.

Medagliere olimpico italiano Tiro a segno

    Los Angeles 1932
  • Renzo Morigi (Oro, pistola automatica)
  • Domenico Matteucci (Bronzo, pistola automatica)
    Atlanta 1996
  • Roberto Di Donna (Bronzo, Pistola libera; Oro, Pistola aria compressa)
    Atene 2004
  • Valentina Turisini (Argento, Carabina sportiva 3 posizioni)

Aggiornato ad Atene 2004

Bibliografia

  1. Aneddoti olimpici. Stranezze, curiosità, spigolature nel meraviglioso racconto dei giochi
    Impiglia Marco
  2. Olimpiadi, collana Atlanti Universali Giunti
    AA.VV.